Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il ciuccio e i suoi effetti: fino a che età è raccomandabile il suo utilizzo?

ciuccio

L’utilizzo del ciuccio nei neonati è un argomento molto discusso: il dibattito principale riguarda il suo utilizzo in rapporto ai rischi-benefici che ha sui bambini.

Il ciuccio, il cui nome tecnico è “succhietto”, è una tettarella, con forma simile a quella di un capezzolo, di vari materiali: plastica, caucciù, gomma o silicone.

Indubbiamente il ciuccio è un pratico alleato delle mamme, che lo utilizzano come espediente per rasserenare il neonato quando non c’è altro modo per tranquillizzarlo.

Leggi tutto: Il ciuccio e i suoi effetti: fino a che età è raccomandabile il suo utilizzo?

Giochi di manipolazione: il gioco euristico e i travasi

giochi euristici

 

Al giorno d'oggi i bambini, al nido, si trovano a riscoprire tutto quel filare di giochi da effettuare con materiali poveri che erano tipici della nostra infanzia. Tali attività vengono definite giochi euristici e travasi. Tali giochi, in virtù della semplicità dei loro materiali, possono facilmente essere replicati a casa.

 

 

Leggi tutto: Giochi di manipolazione: il gioco euristico e i travasi

Girello sì o girello no?

GIRELLO

 

Il girello è un ausilio che viene molto apprezzato dai bambini poiché li aiuta a godere della capacità di muoversi nello spazio mediante pochissimo sforzo. Meno apprezzato, invece, dagli specialisti, che sottolineano che un suo uso continuativo ostacola e talvolta danneggia il corretto sviluppo psicomotorio.

Leggi tutto: Girello sì o girello no?

La musicoterapia: uno strumento di sviluppo per l'individuo e il gruppo

musicoterapia-terapia-musical

 Nel 1950 la fondazione dell'Associazione Nazionale per la Musicoterapia negli Stati Uniti definisce la musicoterapia come disciplina scientifica mentre nel 1945-50 la musica viene integrata con altre terapie per dare sollievo ai reduci seconda guerra mondiale negli USA. Oggi la si utilizza per diversi scopi in diversi contesti, individuali o gruppali, con persone di tutte le età.

Secondo K. E. Bruscia in quanto arte è legata alla soggettività, all'individualità, alla creatività e alla bellezza. ; in quanto scienza è legata all'obiettività, alla collettività, alla riproducibilità e alla verità mentre come processo interpersonale si collega all'empatia, all'intimità, alla comunicazione, alla relazione, all'influenza reciproca e alla relazione di ruolo.  Ma di cosa si tratta? Che obiettivi si pone? 

Leggi tutto: La musicoterapia: uno strumento di sviluppo per l'individuo e il gruppo

Naso pulito: salute, linguaggio e apprendimento

igiene bimbo

 

Un bambino che respira bene si ammala meno frequentemente e sente meglio, un bambino che sente bene può sviluppare migliori capacità linguistiche sviluppando senza difficoltà quel pensiero astratto che è alla base degli apprendimenti scolastici.

Leggi tutto: Naso pulito: salute, linguaggio e apprendimento

Newsletter